Appunti di degustazione: Al Sangiò di Cesena, cucina tipica e vini del territorio… con brio!

Al Sangiò - Magna e Be' - Area estiva

 

Nel cuore di Cesena, in una posizione incantevole, affacciata su una meravigliosa piazzetta, Piazza Amendola, si trova una delle più antiche osterie della città  – Al Sangiò – Magna e be’ – con alle spalle una storia vissuta: nelle passate gestioni si sono infatti succeduti diversi tipi di cucina – anche etnica – come quella argentina e quella greca.

Il nome è davvero originale, scelto tra il sacro ed il profano, con un occhio a San Giovanni, patrono della città, e l’altro al Sangiovese, per una connotazione più laica e culinaria, considerato una buona “cura” per lo spirito e l’animo.

Al Sangiò nasce ad ottobre nel 2020 da 3 soci, Alessandro Brio Braschi, Alan Grilli, ed Enrico Biguzzi già nel mondo dei locali e degli eventi. Il cuoco è Pasquale di Riso, con una importante esperienza su navi da crociera e non solo. Originario di Vico Equense, inizia professionalmente a Castellammare di Stabia, fulcro nativo per tanti chef famosi e stellati.

Al Sangiò si apprezza una cucina romagnola del territorio, dalla tipica tagliatella al ragù alla tagliata con patate e verdure, ma anche piatti elaborati negli abbinamenti, accostamenti e originalità nelle cotture, alle quali è stata dedicata notevole attenzione negli ultimi anni.

I piatti più richiesti, sempre disponibili nel menu, spaziano – tra gli antipasti – dalla Tasca di patate (una finta lasagna ripiena di un cuore di crema di formaggio, besciamella e verdure)  agli Strozzapreti impastati al Sangiovese conditi con il formaggio di fossa a cui è impossibile resistere, per proseguire con un Filetto impanato in crosta di ciccioli con una crema di ciccioli fusa, annoverato tra i piatti più gettonati, indice che ai romagnoli piace la propria cucina casereccia.

Ovviamente non manca il buon Sangiovese delle colline circostanti. Potrete infatti scegliere tra un’ottima varietà di vini locali provenienti da cantine del territorio, soprattutto di Bertinoro, che conta sino ad una cinquantina di etichette.

Alessandro, nominato Brio dagli amici, ha una marcia in più. È un creativo, e dopo aver ricevuto qualche richiesta da più di un’amica in difficoltà nel trovare parcheggio vicino al centro, si è attrezzato con un risciò super brandizzato Al Sangiò.

Appena arrivata nel locale sono accolta da personale molto gentile ed attento, che mi serve in un attimo acqua, pane e focaccia, fatti in casa.

 

Al Sangiò - Magna e Be' - Tagliatelle

 

A seguire ho scelto, giusto un assaggio, di un piatto simbolo della tradizione,  la vera tagliatella fatta mano con un ragù assolutamente squisito, preparato a regola d’arte secondo l’uso di Romagna, mentre come secondo un coniglio con le verdure, morbido e ben cotto.

 

Al Sangiò - Magna e Be' - Coniglio con verdure

 

Certamente non poteva mancare il dessert che mi è stato servito al buio, così me lo sono fatta raccontare: Touille al cacao con chutney alla mela verde mascarpone al cioccolato bianco e a Fianco cannolo di pasta fillo, crema pasticcera frutti di bosco e il suo coulisse. Davvero squisito!

Al Sangiò - Magna e Be' - Dolce

 

“Sentirsi a casa, far star bene la gente va oltre al mangiar e bere bene” è uno dei migliori complimenti fatti ad Alessandro Brio Braschi, un manager proveniente dal mondo degli eventi che da una decina d’anni si è introdotto nell’ambito della ristorazione.

Ed a proposito di eventi, quelli non possono mancare! Ogni martedì troverete Al Sangiò una serata con un Ospite speciale, Chef illustri come Giorgione o degustazioni in abbinamento a diverse cantine di Vini. Con Brio e la sua “banda” non vi annoierete di certo, ma potete star sicuri di passare una splendida serata gustando una cucina di qualità in un ambiente caldo ed accogliente.

Annalisa Calandrini

Al Sangiò – Magna e be’
Piazza Giovanni Amendola, 16
Tel: 370 3080134
Sempre aperti in inverno
Chiuso la domenica  in estate


Rimani aggiornato su Ricette, Eventi e Manifestazioni!
📩  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER