Appunti di degustazione: Agriturimo I Merisi – Forlì

Agriturismo I Merisi - Forlì

 

Alcune volte visitare nuovi locali è un po’ come essere invitati e scoprire cosa ha preparato di buono per noi. Oggi la nostra “cronista del gusto” Giulia nell’entroterra di Forlì a conoscere l’Agriturimo I Merisi.

Ecco cosa ci ha raccontato

All’Agriturimo I Merisi è come entrare in casa di qualcuno, per la precisione a casa di Meris che ad aprile di quest’anno ha deciso di farsi un regalo per la pensione: aprire questo agriturismo chic a metà strada tra Forlì e Castrocaro, ai piedi del Monte Poggiolo.

È chiaro già varcando la porta che nulla è lasciato al caso, c’è un’estrema ricerca del dettaglio: drappeggi e tessuti di pregio si intravedono dalla porta di vetro, tovagliette raffinate e quadri di nature morte dai colori accesi appesi alle pareti e una luce calda a rischiarare gli ambienti. Una cascata di piume rosa e viola scende dai lampadari luccicanti e sui mobili trionfano le prime ghirlande natalizie.

Il locale è intriso della personalità di Meris che l’ha curato nel minimo particolare, è un mix tra retrò e moderno, uno stile che di sicuro non ti aspetteresti da un agriturismo che ha portato una ventata d’aria fresca a Forlì.

L’Agriturimo I Merisi è un’oasi rilassante volta a valorizzare la natura, il relax e il mangiar bene e promuove una filosofia a km 0 che esalta i sapori semplici e dimenticati della nostra terra. Frutta, ortaggi, vino, olio e persino farina di grano duro sono alcuni dei prodotti dell’azienda che è in conversione biologica. La stessa cura riservata agli interni è, se possibile, ancora più esaltata nei piatti e nella scelta delle materie prime.

Mi accomodo al tavolino accanto alla finestra nella piccola sala laterale e contemplo i quadri e le ghirlande in attesa dei piatti.
Si parte con un entrée di Cialda croccante alle nocciole con paté di fegatini e riduzione di Saba.
Il paté è cremoso, si scioglie in bocca sprigionando una piacevole nota amara e un retrogusto di spezie accompagnato dalla cialda croccante alle nocciole e dalla riduzione di Saba che con la sua dolcezza dona piacevolezza al piatto. É giusto un assaggio che sollecita le papille gustative, ma promette bene.

 

Cialda croccante alle nocciole con paté di fegatini e riduzione di Saba - Agriturismo I Merisi - Forlì

 

Si passa poi all’Uovo fritto cotto a bassa temperatura con tartufo bianco, crema di patate e porri e origano fresco dell’orto. Il piatto è essenziale ma accattivante, i colori vivaci invitano all’assaggio. Affondo il cucchiaio nell’uovo e si sprigiona una colata lavica gialla.
L’uovo e il suo involucro croccante sono saporiti e accompagnati dalla crema leggera di porri e patate, la spolverata finale di tartufo bianco con il suo sapore terroso e il profumo intenso e inebriante dona un tocco elegante che investe il palato.

 

Uovo fritto cotto a bassa temperatura con tartufo bianco, crema di patate e porri e origano fresco dell’orto - Agriturismo I Merisi - Forlì

 

C’è però un piatto che più mi ha colpita in questa degustazione all’Agriturimo I Merisi e che mi è rimasto inevitabilmente nel cuore: Cardo fritto, cipolla all’aceto balsamico cotta al forno ripiena di formaggio e polvere di prezzemolo. Senz’altro nei piatti de I Merisi hanno un posto d’onore frutta e verdura, tutti rigorosamente dall’orto, infatti l’elemento vegetale è il filo conduttore del menù.
Il cardo è croccante all’esterno, la dolcezza della cipolla esaltata dall’aceto balsamico è equilibrata dal cuore di parmigiano fuso, il tocco finale di polvere di prezzemolo con la sua nota verde pulisce la bocca anche se il fritto è perfetto, croccante e leggero. È un piatto vegetariano gustoso e invitante, con una palette di colori che ti fa dimenticare che stiamo parlando di verdura.

 

Cardo fritto, cipolla all’aceto balsamico cotta al forno ripiena di formaggio e polvere di prezzemolo - Agriturismo I Merisi - Forlì

 

Dopo gli antipasti si passa al secondo round e arrivano i primi.
Si ricomincia con un must della tradizione romagnola, i Cappelletti in brodo di cappone e ripieno di solo parmigiano, classici ma non troppo, perché il ripieno del cappelletto così senza ricotta non ha bisogno di ulteriori sapori ad arricchirlo ma il cappelletto e il brodo si completano a vicenda.

 

Cappelletti in brodo - Agriturismo I Merisi - Forlì

 

La sfoglia è perfetta, spessa al punto giusto, come quella dei Garganelli fatti in casa con crema di peperoni, guanciale, crema di parmigiano e cipolla caramellata, semplici e appetitosi ma con un contrasto di sapori interessante. Arrivano poi le Tagliatelle di grano duro e sugo di lepre, un omaggio all’autunno, con un sugo corposo, speziato che si accompagna perfettamente con la dolcezza della sfoglia.

 

Garganelli fatti in casa con crema di peperoni, guanciale, crema di parmigiano e cipolla caramellata - Agriturismo I Merisi - Forlì

 

Finalmente arriva la parte migliore della cena: il dessert.
Qui i dolci sono perfetti, nelle forme, nei colori e negli accostamenti di sapori.
La cucina propone Il Monte Bianco e la presentazione è d’effetto: un’alternanza di Chantilly alla vaniglia e crema di castagne nasconde un piccolo monte di meringa friabile dal cuore morbido di crema di castagne. La dolcezza della castagna, la crema alla vaniglia con la lieve nota acidula di limone qui si incontrano.

 

Monte Bianco - Agriturismo I Merisi - Forlì

 

Credo non ci sia migliore conclusione per questa serata, in questo luogo dall’atmosfera unica nel suo genere, dove la natura e l’eleganza vanno di pari di passo e si ha la possibilità di riscoprire con calma l’amore per il cibo.

Giulia Valentini


Rimani aggiornato su Ricette, Eventi e Manifestazioni! 📩  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER