Appunti di degustazione: Locanda Antiche Macine – Montalbano

Locanda Antiche Macine - Moltalbano di Santarcangelo

 

Oggi la nostra “cronista del gusto” Silvia ha fatto un’incursione sulle colline alle spalle di Santarcangelo per assaggiare le specialità della Locanda Antiche Macine di Montalbano.

Ecco cosa ci ha raccontato.

In quel di Montalbano sulle colline santarcangiolesi vengo a fare visita nella splendida Locanda Antiche Macine.
All’entrata, davanti al maestoso camino, incontro Marco Semprini il titolare della Locanda che è anche un agriturismo.

Mi racconta la storia di questo luogo che assomiglia molto ad una favola. La locanda nasce da un antico frantoio del 1600, le cui macine ancora campeggiano nel rigoglioso giardino esterno, punteggiato di ulivi. Il locale apparteneva agli avi dell’attuale proprietario e l’attività è sempre rimasta in famiglia, tramandata di generazione in generazione fino al 2001, anno in cui viene aperto l’Agriturismo.

Con i suoi tre ettari di terreno, l’Azienda Agricola annessa, produce, in parte, ciò che viene utilizzato come materia prima in cucina. Vino, olio, marmellate, frutta e verdura serviti sia al ristorante sia agli ospiti dell’agriturismo, sono decisamente a km 0. La produzione e la cucina sono attente alla clientela celiaca, allergica al lattosio nonché vegetariana, per la quale è disponibile un menù dedicato. I prodotti utilizzati provengono esclusivamente dal territorio: dalla carne di produzione locale, ai latticini della centrale del latte di Cesena per arrivare al Formaggio di fossa di Sogliano. I menù presentati sono ovviamente stagionali.

La locanda è perfetta per ricevimenti di ogni genere, quali matrimoni e banchetti, che nella stagione estiva vengono allestiti nello splendido giardino con annessa piscina. Sono presenti anche un campo da calcetto e da tennis. Il ristorante è aperto tutte le sere, il sabato e la domenica anche a pranzo. Presente un’ampia cantina che rispetta la filosofia dell’agriturismo, importante è infatti la presenza di vini di produzione emiliana e romagnola.

Mi accompagna nella sala ristorante il Signor Semprini. Anche qui troneggia un camino, piacevole compagnia nelle fredde serate invernali. L’ambiente è rustico e caratteristico, con mattoni a vista, decorazioni in ferro battuto e travi in legno.

È  arrivato il momento di dedicarsi al menù. Lo chef Giuseppe Russo mi propone tre piatti.
Si parte dall’antipasto: “Petali di girello marinato al sale di Cervia, misticanza aromatica e verdure all’agrodolce”.  Alla vista la marinatura della carne si presenta perfetta e rosata al punto giusto. Al palato colpisce per la sua morbidezza che si alterna alle verdure dolci, quasi caramellate, e alla croccantezza delle erbette utilizzate, menta e germogli di ravanello. Il tutto mi lascia freschezza e voglia di assaggiare il prossimo piatto.

Petali di girello marinato al sale di Cervia - Locanda Antiche Macine - Moltalbano di Santarcangelo

 

Come primo mi viene fatto degustare un piatto di Cappellacci ripieni di tartufo e stracchino mantecati al burro con pancetta fumè e patate. La sfoglia ha la giusta consistenza, il ripieno mi attrae per la delicatezza dell’accoppiamento dello stracchino e del tartufo mai invadente. A dare il colpo di sapidità la presenza della pancetta. Anche la mantecatura è perfetta. Decisamente un piatto dal gusto autunnale.

 

Cappellacci ripieni di tartufo e stracchino - Locanda Antiche Macine - Moltalbano di Santarcangelo

 

Chef Giuseppe Russo, con il secondo piatto fa centro di nuovo, proponendomi un Maialino da latte arrostito al finocchietto selvatico con pavè di patate e verza brasata. Il maialino si presenta come un rollè. La salsa che lo accompagna ha un gusto deciso che ben si accosta con la tenerezza della carne. La nota decisamente azzeccata è il gusto amarognolo della verza accostato alla dolcezza della patata. Ottimo connubio di sapori.

 

Maialino da latte arrostito al finocchietto - Locanda Antiche Macine - Moltalbano di Santarcangelo

 

Concludo la mia degustazione con una foto insieme al simpatico titolare Marco e allo chef Giuseppe.

Visitare la Locanda Antiche Macine è come fare un tuffo nel passato, rivivere la storia, i sapori e i profumi di un’antica tradizione di famiglia che non si è perduta negli anni.

Silvia Crudi


Rimani aggiornato su Ricette, Eventi e Manifestazioni! 📩  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER