Cibo e favole, uno stretto legame ricco di significati e funzioni

Hansel e Gretel

“Se volete che vostro figlio sia intelligente, raccontategli delle fiabe; se volete che sia molto intelligente, raccontategliene di più!” (Albert Einstein)

Chi di noi non ricorda le fiabe raccontate dalla mamma, sottovoce, a luce bassa, prima di dormire? Chi non si è trasformato per un attimo in Re, Regina, cavaliere o supereroe? Eh si, le fiabe da sempre, creano un mondo immaginario nel quale ognuno può fantasticare con la mente, sviluppare la fantasia, riconoscersi in alcuni personaggi e provare forti emozioni. La favola, se ben raccontata, comunica sicurezza, offre rassicurazione, ordine e giustizia.

Le fiabe aprono il mondo interiore dei bambini, ricco di sentimenti e sensazioni spesso sconosciute. A proposito di questo, vogliamo porre attenzione oggi, ad un elemento tanto importante quanto ricorrente in ogni favola. Il cibo.

“La Principessa sul pisello”, “Cappuccetto rosso”, “Hansel e Gretel” e “Pollicino”, sono solo alcuni titoli  in cui il cibo assume nella favola un ruolo da protagonista. Il cibo è motore della storia e assume, in ogni trama, un significato diverso: da “Pollicino” in cui le mollichine di pane sono il simbolo della povertà, a “Cappuccetto Rosso” in cui il cibo è il pretesto per la protagonista ad incontrare il pericolo nel bosco, passando alla “La principessa sul pisello“, che rivela la sua sensibilità e nobiltà d’animo proprio misurandosi con un piccolo legume. Infine “Hansel e Gretel”, che denuncia il cannibalismo praticato nelle campagne sperdute, in caso di carestie.

Per chi non lo sapesse, “questo accade perché concretamente, quotidianamente e simbolicamente, il cibo sta per sé e per altro; si impasta con significati che hanno a che fare con vita-morte, amore-odio, desiderio-rifiuto, pieno-vuoto “, afferma Rosa Tiziana Bruno, sociologa, scrittrice e insegnante . “Il rapporto della fiaba con il cibo è costante: non esistono favole dove non si consumi cibo, dove non si parli di cose da mangiare”.

Nelle fiabe il cibo conta perché manca e miracolosamente arriva; perché sparisce e si moltiplica; perché è poco ma si può dividere e perché chi ne ha tanto, lo tiene per sé.

Intorno al cibo ruotano tante cose. Ruota la vita. Il cibo è premio, festa, inganno, prova e incantesimo.

RaT