Una giornata in Romagna lungo una strada a picco sul mare

Strada a picco sul mare | Fiorenzuola di Focara


La Romagna non è una cosa unica;
c’è la Romagna bagnata dal mare e
c’è la Romagna a maggio fiorita,
e quindi le colline. E ha delle montagne
grandi che da lontano diventano trasparenti
e da lassù puoi vedere il mare che
è una riga lunga e blu.
[Tonino Guerra]

Come affermava il grande poeta romagnolo Tonino Guerra, “la Romagna non è una cosa unica”. Il territorio infatti spazia tra monti, colline, pianura e mare. Per chi non la conoscesse così bene o per chi è curioso di trascorrere una domenica all’insegna della natura e del movimento, vi proponiamo oggi un itinerario tra terra e mare. Dal profondo blu del mare di Cattolica, passando per il verde dei campi coltivati fino ai borghi rurali delle Marche, percorrendo un’affascinante.. Strada a picco sul mare.

Il punto di partenza di questo percorso è il Porto di Cattolica, posto sul confine con Gabicce Mare. La strada comincia subito a salire e in un paio di chilometri si raggiunge Gabicce Monte, piccola località a circa 150 metri s.l.m., in passato teatro di sanguinose dispute e oggi meta gettonata dai turisti di tutt’Italia.

Da qui, si scende fino a raggiungere il porto turistico della Vallugola. La piccola baia con un porticciolo, una spiaggia di ciottoli e un paio di ristoranti, è una meta da non perdere per chi vuole vivere una vera atmosfera marittima. Tornati sulla strada principale poi, si svolta in direzione Casteldimezzo e si riprende la strada panoramica.

Proseguendo sulla panoramica si giunge in pochi chilometri ad un altro interessante borgo, quello di Fiorenzuola di Focara. Tra punti panoramici e continui saliscendi, la strada continua a costeggiare il Mare Adriatico e comincia la discesa verso il porto di Pesaro.

Da qui, la deviazione è in direzione di Rimini. Lungo la statale si incontra Colombarone, nota per i ritrovamenti archeologici che hanno portato alla luce un’antica villa signorile e una preziosa basilica. E dopo pochi chilometri, l’itinerario svolta a sinistra verso Gradara, uno dei borghi più belli d’Italia.

Da Gradara si riparte in direzione Cattolica per raggiungere il punto finale di questo percorso.

Le informazioni dettagliate su questo itinerario qui: http://www.52domeniche.it (Edizioni IN Magazine – pubblicazione a cura di Matteo Ranucci)