La Dieta Mediterranea, alleata del Cervello e nemica dell’invecchiamento

dieta Mediterranea

 

Siamo davvero fortunati a far parte del fiorente bacino del Mar Mediterraneo. La nostra dieta è fra le più sane ed equilibrate al mondo. Non a caso, gli Ateniesi giuravano di difendere la loro patria sulla sacra triade “dell’ulivo, della vite, del grano”. I benefici della dieta mediterranea sono stati resi pubblici dopo gli studi del fisiologo statunitense Ancel Keys negli anni ’50. E ancora oggi, non finiscono di stupire.

Lo Studio

Un recente studio scientifico dell’Università di Edimburgo, pubblicato sul giornale Neurology, ha raggiunto un’importante conclusione. Negli anziani che seguono la dieta mediterranea, il cervello si restringe di meno rispetto a chi non l’ha adottata.

Lo studio si basa sulle abitudini alimentari di 967 persone sane di circa 70 anni. A 562 di loro è stata fatta una risonanza magnetica a 73 anni per misurare il volume del cervello. Dopo 3 anni, 401 anziani si sono sottoposti ad una seconda risonanza. Risultato sorprendente: chi non l’ha adottata ha perso di media lo 0,5% in più del volume cerebrale.

I Benefici della dieta mediterranea

La dieta mediterranea si distingue per un elevato consumo di frutta, verdura, olio d’oliva, legumi, cereali, un moderato consumo di vino, pesce, formaggio e un modesto consumo di carni rosse e bianche.

La coordinatrice dello studio, Michelle Luciano, ci spiega: “Quando invecchiamo, il cervello si restringe e perdiamo cellule cerebrali: tutto ciò influisce sulla memoria e l’apprendimento. La nostra ricerca aggiunge un altro tassello ai tanti che indicano l’impatto positivo della dieta mediterranea sulla salute del cervello”.

Solo buone notizie, dunque. Perché oltre ad essere equilibrata e salutare, la dieta mediterranea ha un altro innegabile vantaggio: una varietà di sapori e di gusti semplicemente impareggiabile…


Rimani aggiornato su Ricette, Eventi e Manifestazioni! 📩  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER