La Locanda della Fortuna, un luogo nel quale mescolare sapori e ricordi

Locanda della Fortuna - Oriolo dei Fichi

 

Sulle colline di Faenza e più precisamente a Oriolo dei Fichi si trova la Locanda della Fortuna. Un luogo dalle molteplici sfaccettature. Ma andiamo con ordine.

Il nome “locanda” deriva dal fatto che c’è anche la possibilità di alloggio. Sono a disposizione degli ospiti cinque camere: quattro matrimoniali ed una quadrupla. Tutte ristrutturate in stile old fashion, conservano intatta l’atmosfera dei casolari romagnoli di una volta. A disposizione degli ospiti c’è in aggiunta una piscina in un contesto naturale suggestivo per la vista panoramica su tutta la vallata.

Alla Locanda della Fortuna è annessa anche un’azienda agricola – denominata Leone Conti – di oltre 42 ettari, 23 dei quali sono adibiti a vigna da cui si ottengono ottimi vini, mentre 5 sono piantumati con ulivi da cui deriva un’olio di produzione propria, infine il restante è coltivato a sementi quali il grano varietà “ardito”. Vino, olio e farina sono tutti prodotti BIO ottenuti nel pieno rispetto della natura e della tradizione.

Finalmente arriviamo al motivo per cui ci troviamo qui: il Ristorante Agrituristico, anche questo chiamato Locanda della Fortuna. Francesco, nipote di Leone Conti, ne ha intrapreso la gestione nel 2018 ed ha preferito mantenere la stessa denominazione dell’alloggio.

Ubicato in una tipica costruzione rurale dell’entroterra, si compone di due sale e di una veranda ornata da viti rampicanti che nella stagione calda offrono un piacevole riparo dal sole. L’interno, curato dei dettagli, dallo stile rustico e accogliente, con gli ampi soffitti e le travi in legno, riporta la mente al focolare di una volta, luogo nel quale i sapori si mescolano con i ricordi.

La cucina non può che essere tradizionale romagnola, ma con qualche guizzo creativo. Il punto di forza sono i prodotti sani e genuini, come quelli provenienti dall’azienda agricola. Predomina la stagionalità che si esprime nella scelta di materie prime e fornitori locali.
I fiori all’occhiello sono la tagliatella al ragù e, in generale, tutta la pasta fatta in casa, la carne alla griglia e, da ultimo, sono assolutamente da assaggiare, i fiori di zucca in pastella ripieni di ricotta, quando sono di stagione.

Il pane e la pasta sono tutti di produzione propria (in parte con la farina dell’azienda agricola – di grano ardito) preparati dallo Chef Graziano Poli e dalle “azdore romagnole” aggregate di volta in volta alla brigata.
Per chiuder in dolcezza noi vi consigliamo di assaggiare un dolce tipico come il salame di cioccolato o un buon mascarpone.
C’è da notare che l’emergenza sanitaria ha un po’ ristretto il raggio della clientela proveniente dalle zone limitrofe più lontane, dall’altro lato ha però consentito alla Locanda della Fortuna di farsi conoscere meglio dal pubblico locale che ancora non sapeva della sua esistenza.

Qui si viene per approfittare di un momento di relax coccolati dalla gentilezza e dalla cortesia del personale. L’atmosfera che vi si respira è un po’ fuori dal tempo e consente di godere della tranquillità del luogo e delle specialità della cucina, senza pensare ad altro.

I progetti futuri sono l’acquisto della struttura, (per ora solo in affitto), e la realizzazione di un “biolago” al posto della piscina, per un rapporto di maggior intensità con la natura e rispetto verso l’ambiente creando un angolo che sia sempre di più una zona di relax dove stare in pace coi propri sensi.


Rimani aggiornato su Ricette, Eventi e Manifestazioni!
📩  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER