Lòm a Mêrz, i fuochi magici dell’antica tradizione contadina

Lòm a Mêrz

Lòm a Mêrz

Anche nel 2019 rivive l’antica tradizione dei Lòm a Mêrz (i lumi di marzo). La Romagna, una terra storicamente vocata all’agricoltura, ogni anno alla fine di febbraio perpetua gli antichi riti propiziatori. Una specie di fuochi magici, che gli antenati accendevano per scongiurare la malasorte e le avversità meteorologiche.

Le origini

I falò propiziatori erano un’usanza con la quale si intendeva celebrare l’arrivo della primavera e invocare un’annata favorevole per il raccolto nei campi, ricacciando il freddo e il rigore dell’inverno. Un significato preciso: incoraggiare e salutare l’arrivo della bella stagione, bruciando i rami secchi e i resti delle potature.

Ogni anno, negli ultimi tre giorni di febbraio e nei primi tre di marzo, ci si radunava nelle aie, si intonavano canti e si danzava intorno ai fuochi (al fugarèn), mangiando, bevendo e soprattutto divertendosi.

Il 2019

Anche nel 2019 la tradizione si ripete, dopo il tramonto, dal 26 febbraio al 3 marzo, nelle aie delle case di campagna in vari comuni delle Provincie di Ravenna, Forlì, Ferrara e Bologna.

L’accensione dei Lumi, è un richiamo ad andare in campagna per conoscere la terra, le piante, gli animali, i cortili, gli orti, i giardini. Un’occasione per guardare la luna e le stelle scaldandosi attorno al fuoco e facendo amicizia con chi la terra la vive ogni giorno.

La manifestazione

Il manifestazione di quest’anno prevede che in numerose aie e case di campagna e non solo, vengano accesi grandi falò attorno ai quali si svolgeranno iniziative e incontri sulla tradizione e la cultura contadina romagnola, fra balli, spettacoli, mostre, presentazione di libri. Durante le serate sarà possibile degustare vini e cibi tipici dell’enogastronomia della Romagna.

“Il Lavoro dei Contadini”

In particolare, nell’area di Ravenna, la manifestazione viene organizzata da un gruppo di Imprenditori Agricoli riuniti in un’Associazione denominata “Il Lavoro dei Contadini”. L’associazione ha come obiettivo quello di promuovere il territorio, valorizzando i prodotti tipici, e recuperando le tradizioni, l’arte e la cultura contadina.

I valori della tradizione rurale vengono promossi attraverso una serie di iniziative che, in base alle occasioni e agli eventi, coinvolgono anche altre aziende agricole, artigiani, artisti e istituzioni ed enti come nel caso di “Lòm a Mêrz”.

Come tutti gli anni, il primo momento di ritrovo conviviale è previsto il 26 febbraio presso il Rione Verde a Faenza, con la collaborazione di Accademia Medievale e Il Lavoro dei Contadini. Potrete intraprendere qui “Un viaggio enogastronomico dalla collina al mare”, unacena con i prodotti tipici e vini del territorio in collaborazione con la maestra di cucina Carla Brigliadori e i partecipanti al corso “Trasformazione di prodotti ortofrutticoli: qualità e innovazione”. (per info e prenotazioni consultate il programma allegato).

Se vi abbiamo incuriosito qui trovate il programma completo della manifestazione Lòm a Mêrz.

Scarica il file


Rimani aggiornato su Ricette, Eventi e Manifestazioni! 📩  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER