Mercato Saraceno riceve la bandiera “Citta’ del vino”.

Mercato Saraceno diventa ‘Città del Vino’: è stata consegnata la bandiera che ufficializza questo importante riconoscimento, a coronamento di un percorso di valorizzazione dei vini del territorio. La cerimonia si è tenuta alla presenza del Sindaco Monica Rossi,  giovedì 8 settembre in Piazza Montalti, nel centro storico di Mercato Saraceno, alla presenza dell’Assessore Regionale al Turismo e Commercio Andrea Corsini, del Direttore Associazione Nazionale Città del Vino di Paolo Corbini e della coordinatrice Regionale Giorgia Mezzacqui, a tutte le cantine di Mercato Saraceno e a tutta la Giunta Comunale.

Vini di qualità che sono capaci di raccontare il territorio e le sue caratteristiche hanno fatto entrare a pieno titolo la cittadina all’interno della prestigiosa Associazione nazionale fondata a Siena nel 1987, che si occupa in Italia e in Europa della valorizzazione dei territori a vocazione vinicola, e che conta circa 470 soci in Italia e 3 in Romagna (Mercato Saraceno, Bertinoro, San Clemente nel riminese).

 

 

Obiettivo dell’ Associazione Città del Vino è quello di aiutare i Comuni a sviluppare intorno al vino, ai prodotti locali ed enogastronomici, tutte quelle attività e quei progetti che permettono una migliore qualità della vita, uno sviluppo sostenibile, più opportunità di lavoro. Un esempio concreto è l’impegno per lo sviluppo del turismo del vino, che coniuga qualità dei paesaggi e ambienti ben conservati, qualità del vino e dei prodotti tipici, qualità di un’offerta diffusa nel territorio ad opera delle cantine stesse e dei protagonisti del settore.
Grande festa dunque, per questo ambito riconoscimento: Mercato Saraceno e il suo circondario sono molto amati da romagnoli e turisti e ben noti per l’ offerta enogastronomica e per la sua identità votata al settore.

Un traguardo meritato, frutto di un intenso lavoro e della passione che muove le cantine locali, che già da diversi anni si stanno distinguendo in Italia e all’estero per la qualità dei vini proposti e per il recupero e il rilancio del vitigno autoctono Famoso, che nel 2000 venne individuato in due vecchi filari sulle colline di Mercato Saraceno (Forlì-Cesena)e il cui proprietario lo indicava, per l’appunto, con il nome “Famoso”. Oggi è prodotto in piccoli appezzamenti da produttori che hanno visto in questo vitigno un patrimonio di aromi e di biodiversità da valorizzare.
Si ricorda che lo scorso 6 giugno un Decreto del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali ha identificato con il nome “Mercato Saraceno” la sottozona di produzione del Romagna Doc Sangiovese della fascia collinare cesenate, sottolineando la particolare vocazione enologica della zona e la qualità che vi risiede.

Cinque le cantine produttrici nel territorio comunale, dove l’ altitudine è compresa fra i 50 e gli 840 m: Tenuta Casali, Tenuta Santa Lucia, Cantina Bartolini, Azienda Agricola Castello Monte Sasso e Cantine Braschi. 80 ettari vitati, tra cui spiccano i vigneti di Famoso, Sangiovese e Albana. Dal 2021 è anche in produzione un prodotto dolciario natalizio artigianale il Panettone al Famoso in collaborazione con forni e pasticcerie del territorio, un dolce che è stato venduto e mangiato in tutta Europa.

Giulia Tellerini

(Foto tratte da  https://www.facebook.com/comunemercatosaraceno/ )


Rimani aggiornato su Ricette, Eventi e Manifestazioni!
📩  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER