Oggi in tavola un piatto dal gusto particolare: gli gnocchi di castagne

Gnocchi con farina di castagne

 

Fortunatamente le tendenze culinarie degli ultimi anni stanno riscoprendo la farina di castagne in cucina, attribuendogli il posto che meriterebbe. Si tratta senza dubbio di uno degli ingredienti più antichi e preziosi appartenenti alla nostra tradizione alimentare.

Conosciuta anche come ‘farina dolce’ è ottenuta dalla macinatura delle castagne essiccate. Un tempo rappresentava la principale fonte di sostentamento soprattutto per le popolazioni appenniniche settentrionali e dunque anche nella nostra Romagna collinare.

Da sempre utilizzata per la preparazione di svariati piatti – dall’antipasto al dolce – la farina di castagne ha conosciuto gli usi più diversi nelle tradizioni contadine di molte regioni italiane.

Oggi vi proponiamo qui gli gnocchi di castagne: un primo piatto particolare e perfetto per la stagione autunnale. L’impasto base è preparato con farina di castagne e farina 00, latte e acqua.

Gli gnocchi vengono poi conditi con burro fuso, salvia e parmigiano grattugiato, un condimento semplice ma perfetto per valorizzare questa pasta fresca. Ecco la ricetta.

Ingredienti (per 4 persone)

200 gr di farina 00
200 gr di farina di castagne
120 ml di latte
120 ml di acqua
burro q.b.
sale q.b.
foglie di salvia q.b.
Parmigiano reggiano grattugiato q.b.

Preparazione

Per preparare gli gnocchi di farina di castagne iniziate versando le due farine e un pizzico di sale in una terrina capiente o direttamente sul tagliere, fate un buco centrale poi unite il latte a temperatura ambiente e l’acqua. Impastate fino ad ottenere un panetto morbido e liscio. Coprite con un canovaccio pulito e lasciate riposare per mezzora.

Trascorso il tempo di riposo dell’impasto dividete l’impasto in più parti, formate dei cilindri dal diametro di 1 cm poi con un coltello a lama liscia tagliate a pezzetti di circa 1 cm. Ponete una pentola d’acqua sul fuoco, portate a ebollizione, salate l’acqua e fate cuocere per 6-7 minuti. Nel frattempo fate sciogliere il burro in una padella antiaderente, aggiungete la salvia e lasciate insaporire per 2-3 minuti. Scolate gli gnocchi, passateli in padella con il burro e la salvia poi unite anche il parmigiano reggiano grattugiato.

Consigli

Ecco qui un piccolo suggerimento per evitare che gli gnocchi appena fatti si attacchino tra di loro, se non avete intenzione di cuocerli immediatamente.
Prima di mettere gli gnocchi sul vassoio nel quale li conserverete, cospargetelo con un po’ di farina… ma non della farina qualunque.
Utilizzate della semola di grano duro oppure della semola rimacinata. La prima è ottenuta dalla prima macinazione dei chicchi di grano duro ed è caratterizzata da una grana molto grossolana.

La semola rimacinata, invece, viene ricavata dalla seconda macinazione del grano duro e, benché non molto dissimile dalla semplice semola, si distingue da questa perché possiede una grana un po’ più fine.

Rispetto agli sfarinati ottenuti dalla macinazione del grano tenero, la semola e la semola rimacinata di grano duro sono caratterizzate da un più elevato contenuto di proteine e da una maggiore frantumazione dei granuli di amido. Ciò spiega la ragione per cui sono in grado di assorbire una quantità di acqua maggiore e, di conseguenza, risultano particolarmente adatte per evitare che la pasta fresca, dopo il taglio, si attacchi.


Rimani aggiornato su Ricette, Eventi e Manifestazioni! ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER