Il Pistacchio, il nostro “frutto del cuore”

Pistacchio

 

Sono molti gli aspetti che non si conoscono dei pistacchi, ingrediente molto utilizzato sia cucina che in pasticceria. Ad esempio il fatto che questi frutti, composti da guscio e seme, hanno importanti principi nutritivi. Fra i tanti organi che ne traggono vantaggio c’è proprio il cuore, motore pulsante dell’organismo. Scopriamo insieme i pistacchi e i loro benefici!

Pistacchi e Salute

Una tazzina di pistacchi al giorno leva il medico di torno. Questa frutta secca è particolarmente efficace nel ridurre il colesterolo LDL, quello dannoso. Inoltre sono ricchi di anti-ossidanti, che contrastano l’invecchiamento cellulare. Sono dunque indicati per la prevenzione contro il cancro.

Il beta-carotene presente nei pistacchi si trasforma invece in vitamina A svolge infatti un’azione preventiva nei confronti delle neoplasie. Mentre il gamma-tocoferolo, una comune forma di vitamina E, tiene lontane le malattie del cuore.

Pistacchio, albero dell’immortalità

La qualità dei singoli semi dipende ovviamente dalla pianta madre. In Italia abbiamo pistacchi eccezionali, insigniti del marchio DOP: quelli rinomati di Bronte. Ma i benefici di questo frutto si possono intuire soltanto guardando alla pianta, la Pistacia terebinthus. Questo arbusto tenace non soffre il caldo, né il vento, né la siccità o il salmastro. Le sue radici spaccano rocce e sassi. Tale è la sua forza che nella Bibbia è descritto come l’albero dell’immortalità.

Vi abbiamo dimostrato quindi che consumare i pistacchi è una buona abitudine. L’olio da essi derivato è capace di stimolare e migliorare la reazione immunitaria. In più in cucina sono ottimi per guarnire piatti di pesce o per preparare salse e insalate. In pasticceria gli usi non si contano: perfetti per insaporire torte, biscotti e budini… o nel gelato!


Rimani aggiornato su Ricette, Eventi e Manifestazioni! 📩  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER