Le Tagliatelle agli strigoli

Le Tagliatelle agli strigoli

 

Gli strigoli, o stridoli, sono un’erba spontanea che cresce vicino ai corsi d’acqua o in collina; qui in Romagna si possono trovare da maggio ad ottobre.
Il nome deriva dallo “stridore” che scaturisce dalle foglie se vengono strusciate tra due dita.
Nella cucina romagnola sono molto apprezzati, sia crudi in insalata che cotti, in frittate, nei ripieni per la pasta fatta in casa e in condimenti; volentieri un buon sugo agli strigoli viene preparato in sostituzione del classico ragù di carne.
Le tagliatelle al sugo di strigoli sono davvero un classico della nostra regione ed oggi vi proponiamo questa ricetta da leccarsi i baffi.

Ingredienti:

Per la pasta:

6 uova
600gr di farina bianca
una pizzico di sale

Per il condimento:

300gr di strigoli lavati e spezzettati a mano
600gr di salsa di pomodoro
50gr di pancetta
uno spicchio d’aglio
mezza cipolla
1/2 bicchiere di vino bianco secco
olio

Preparazione

Rompere le uova nella farina e aggiungere il sale. Mescolare il tutto e formare un impasto consistente. Tirare la sfoglia sottile sul tagliere di legno, arrotolarla e tagliare delle strisce di larghezza regolare. Lasciare riposare mezz’ora.
Nel frattempo preparate il sugo.
Soffriggere nell’olio un trito fatto con la pancetta, l’aglio e la cipolla. Aggiungere il vino bianco e lasciare evaporare. Aggiungere gli strigoli al soffritto, lasciare insaporire ed aggiungere la salsa di pomodoro. Aggiustare di sale e cuocere per 10/15 minuti. Cuocere le tagliatelle al dente, scolare e farle saltare nel tegame con il sugo.
Servire con parmigiano grattugiato.