ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ristorante del Ponte

Il Ristorante del Ponte si trova a San Piero in Bagno, nell’Alta Valle del Savio, proprio sul ponte di sasso che attraversa il torrente Rio.

Locale a gestione familiare da quattro generazioni, nel quale l’ospite può compiere un vero e proprio viaggio nel tempo. La sensazione è quella di entrare in una locanda di un’altra epoca, come un ponte tra passato e presente attraversato il quale il tempo è rimasto sospeso.

Semplice e suggestivo, con arredi in stile anni ’50, tutto è ancora com’era anche in cucina. Il modo di cucinare, è infatti rimasto fedele alle ricette storiche dal 1880 e all’uso dei fornelli a carbone e del camino, con cotture allo spiedo, alla brace o a bagnomaria per i dolci.

 


Rimani aggiornato sulle prossime iniziative! 📨 ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Normale tariffa telefonica - La telefonata verrà trasferita al numero di telefono del locale | Modalità del trattamento dei dati in termini di utilizzo

San Piero in Bagno - Via Cavour, 42

  • Giorni di chiusura: Martedì
  • Orario Cucina: 12:00-14:00 | 19:00-23:00
  • Posti interni: 35
  • Posti esterni: 15
  • Parcheggio: si
  • Fascia di prezzo: da 25 a 30 Euro (*) prezzo medio 2 portate escluso bevande.

Il Locale

Dalla vecchia statale che attraversa il paese di San Piero, si vede un ponte di sasso sul torrente Rio: qui sorge il Ristorante del Ponte, a San Piero in Bagno (Bagno di Romagna) nell’alta Valle Savio. Da quattro generazioni, la famiglia Ammoniaci è proprietaria e gestisce questo locale nel quale l’ospite può compiere un vero e proprio viaggio nel tempo. La sensazione è quella di entrare in una locanda di un’altra epoca, come un ponte tra passato e presente attraversato il quale il tempo è rimasto sospeso.

Il locale dispone di tre salette da circa 35 posti in totale, travi in legno, pavimento in mattoni rossi, arredi semplici e caratteristici, tutto è rimasto com’era: come il “salotto di Garibaldi” che ha accolto anche altri nomi di spicco del ‘900. Salendo la scalinata, dal cortile di pietra serena, ed entrando per una porticina degli anni ’30 si arriva in una delle tre salette del Ristorante. Semplice e suggestiva, con arredi in stile anni ’50, ci introduce in un ambiente caldo e rassicurante, come tutto il locale del resto. Il focolare acceso ed il calore della fiamma accolgono l’ospite e predispongono ai piaceri della buona tavola.

La gestione famigliare racconta una storia di entusiasmo e di passione che si è tramandata del tempo anche nel modo di cucinare, rimasto fedele alle ricette storiche dal 1880 e all’uso dei fornelli a carbone e del camino, con cotture allo spiedo, alla brace o a bagnomaria per i dolci.

Le Specialità

La cucina del Ristorante del Ponte è fedele alla tradizione oltre che per le ricette storiche, tramandate dal 1880, anche nel modo di cucinare con l’uso dei fornelli a carbone e del camino, per cotture allo spiedo, alla brace o a bagnomaria per i dolci.  Il menù propone i piatti tipici della cucina artusiana ed anche piatti della tradizione toscana considerate le origini della famiglia. Oltre che alle stagioni il menù è anche legato ai giorni della settimana come detta la tradizione del paese: quindi la polenta si gusta il giorno di mercatoe la pastaverde la Domenica, insieme all’arrosto allo spiedo, mentre il Venerdì  baccalà in zimino con la polenta del mulino.

Sono da provare anche i dolci cotti a bagnomaria come un tempo, delizie a base di uova, latte, zucchero: la Crema coi Savoiardi e l’Achermes, lo Zabaione, il Latte alla Portoghese, il Caffè in Forchetta. Una nota interessante è che tutti gli ingredienti e i piatti che si trovano nel menù di oggi hanno preservato i nomi originali.

Gli ingredienti, come una volta, arrivano dal territorio e dal mercato del paese: i funghi freschi del Comero (da aprile a novembre: prugnoli, porcini, russule, galletti) la cacciagione, la carne del macellaio locale, il pane del fornaio, le verdure dell’orto (in estate) e la farina per la polenta dal mulino. Le origini toscane della famiglia si ritrovano  nei crostini di rigagli e di cacciagione, nella lepre e negli uccelli in salmì da una parte, mentre dall’altra ritroviamo la cucina artusiana (dal gastronomo romagnolo Pellegrino Artusi) con i piatti tipici della cultura sanpierana, come la trippa col sugo o la pasta al forno domenicale.

Prenota online

N.B: La richiesta si intende accettata solo dopo la conferma telefonica o e-mail da parte del locale o della segreteria

Infoline
895.895.0068


-
è un progetto di Officina Creativa srl
Licenza Creative Commons CC
P. Iva: 02597460985  Tel +398958950068