Vi piacciono le rose? Provatele nel risotto!

Risotto alle rose e ribes rossi - da Due amiche in cucina
Fonte immagine Due amiche in cucina: https://www.dueamicheincucina.it/

 

Maggio è il mese delle rose per eccellenza. Sbocciato in mille sfumature e arricchiscono ogni angolo: dai giardini pubblici alle aiuole stradali, dal balcone casalingo ai più sontuosi terrazzi. A dire il vero, in questi ultimi inverni miti, ho visto rose fiorire a dicembre, impavide ambasciatrici del bello anche nelle grigie giornate invernali.

Forse non tutti sanno, però, che ci sono delle varietà di rose commestibili che potete coltivare per poi dare un tocco di originalità ai vostri piatti.

Oggi appunto vi vorremmo proporre la ricetta di un Risotto alle rose e ribes rossi che ci è stata gentilmente segnalata dalla Strada dei Vini e dei Sapori dei Colli di Forlì e Cesena. Cogliamo questa occasione per ricordarvi che domenica 30 maggio ci sarà “Rosa di Rosa”, passeggiata con degustazione negli antichi roseti del vivaio Vittori sito in Forlí, Località Quattro Laghi.

Ecco qui la ricetta del Risotto alle rose e ribes rossi.

Ingredienti

200 g di riso Carnaroli

1 l di brodo vegetale
30 g ribes rossi
1 bicchiere vino rosato
Mezzo scalogno
q.b. petali di rosa (commestibile)
q.b. sale
50 g olio extravergine d’oliva

Preparazione del risotto alle rose e ribes rossi

Scaldate il brodo vegetale, portatelo a bollore e tenetelo sempre bollente.
Ribes: tenete da parte una decina di bacche che userete intere in cottura e frullate il resto con un “minipimer” fino ad ottenere una consistenza fluida.
Per il soffritto: tritate lo scalogno e soffriggetelo in una padella dai bordi alti con un po’ di olio extravergine a fiamma bassa, senza farlo bruciare.
Passiamo ora alla tostatura: alzate leggermente la fiamma, aggiungete il riso e tostatelo per 2-3 minuti. Sfumate con metà bicchiere di vino rosè.
È il momento della cottura: lasciate sfumare il vino, aggiungete il brodo vegetale e, man mano che si asciuga, portate il risotto a cottura (17 – 20 minuti).
A metà cottura aggiungete i ribes frullati mentre verso la fine aggiungete una manciata di petali di rosa e il vino rosè rimasto. Quando il risotto è pronto toglietelo dal fuoco.
Fase di mantecatura: mantecate con olio o burro, facendolo sciogliere bene, aggiungete quindi il parmigiano e i ribes interi tenuti da parte, mescolate energicamente e lasciate riposare 2 minuti. (Se il risotto risulta troppo asciutto, allungatelo con un po’ di brodo).
Fase di impiattamento: in un piatto da portata versate al centro poco alla volta il risotto, con il palmo battete energicamente sotto il piatto per distendere il riso in modo uniforme. Decorate infine con i petali di rosa rimasti e aggiungete eventualmente una spolverata di parmigiano.

Per i puristi e per chi è un po’ vuole osare un po’ di più ecco qui la versione del Risotto alle rose senza ribes

Preparazione 

Pulite accuratamente i petali di rose rosse o rosa (le rose non devono essere state trattate con antiparassitari o con altri agenti chimici) con un panno umido, rimuovendo le impurità.
Versate i petali di rosa (tenendone da parte una decina per la decorazione) in una ciotola: versare il vino. Lasciate macerare il tutto per qualche ora, mescolando di tanto in tanto.
Per un risotto delicato, si consiglia di utilizzare un buon vino bianco oppure un rosato leggero.
Dopo qualche ora, filtrate il macerato e tenete da parte i petali di rosa.
Scaldate un paio di cucchiai di olio extravergine d’oliva in una piccola casseruola (tritate lo scalogno e soffriggetelo) e fate tostare il riso per alcuni minuti.
In un altro pentolino, scaldate un po’ d’acqua (che servirà per la cottura del risotto) e salatela leggermente.
Sfumate il riso tostato con il vino aromatizzato (filtrato), un bicchierino di rosolio (facoltativo) e proseguite la cottura per una decina di minuti, mescolando spesso il riso ed aggiungendo l’acqua poco per volta.
Un paio di minuti prima del termine della cottura, aggiungere anche le rose macerate.


Rimani aggiornato su Ricette, Eventi e Manifestazioni! 📩  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER