Nasce Destinazione Turistica Romagna per promuovere il territorio

destinazione-turistica-romagna

 

Romagna, una terra ricca di risorse e attrattive! Un territorio che accoglie grandi monumenti di epoca romana, bizantina e medievale, spiagge e movida, una grande tradizione gastronomica. In effetti, non ci sorprende che da sempre sia una delle destinazioni preferite da una notevole varietà di turisti. Da poco è nata “Destinazione Turistica Romagna”, nuovo ente pubblico che si occuperà di promuovere l’immagine turistica della nostra terra!

Destinazione Turistica Romagna

La giunta regionale ha approvato all’unanimità l’istituzione dell’ente “Destinazione Turistica Romagna”. Grazie ad uno speciale statuto, l’area designata avrà piena autonomia amministrativa e finanziaria su ogni questione legata al turismo. DTR comprende le 4 province di Ravenna, Forlì-Cesena, Rimini e Ferrara.

Grazie all’istituzione di questo ente, sarà possibile promuovere il territorio romagnolo con maggiore efficacia sia in Italia che all’estero! Con sede principale a Rimini, avrà un ruolo di grande importanza nelle politiche turistiche dei prossimi anni. Con il vantaggio di poter agire con più libertà e rapidità rispetto alle precedenti (e non sempre efficaci) “unioni” dei comuni.

Più turisti, più cultura, più ricchezza

Sono queste le linee guida che caratterizzano l’istituzione della Romagna come “Destinazione Turistica”. Il consigliere ferrarese Marcella Zappaterra commenta con orgoglio: “Si tratta di un distretto che è già competitivo e che può solo crescere dando un ulteriore impulso alla nostra economia turistica. Nel 2016 le quattro Province coinvolte hanno totalizzato circa 31 presenze e 7 milioni di arrivi. Numeri che ci collocano tra le prime 25 posizioni del mondo con più arrivi turistici”.

Non solo: una sinergia fra le diverse anime della Romagna unirà arte, natura, mare, montagna, sport ed enogastronomia. Una proposta variegata e dinamica, pensata per un pubblico con esigenze complesse e complementari. Commenta a questo riguardo il consigliere riminese Nadia Rossi: “L’aspetto innovativo della legge regionale sul turismo è quello di non promuovere più singoli prodotti turistici, ma aree che racchiudano elementi diversificati che, se integrati, possano rispondere al meglio alle esigenze di pubblici compositi”.


Rimani aggiornato su Ricette, Eventi e Manifestazioni! 📩  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER