Le Cantarelle… i pancakes della tradizione romagnola!

Le Cantarelle

 

Le Cantarelle al Cantareli, in romagnolo – sono un dolce tipico che non manca mai durante le feste e le sagre paesane. Si tratta di una preparazione povera, originaria del riminese, quando con pochi ingredienti era comunque possibile fare magie. Deliziose focaccine che ricordano per forma e cottura i pancakes, ma sono romagnole al 100%. Si realizzano preparando una semplice pastella, che dopo un breve riposo è cotta sul testo romagnolo, oppure in padella.

Servite tradizionalmente con un filo d’olio d’oliva e una spolverata di zucchero, le Cantarelle Vi sorprenderanno con la loro genuinità. Perfette se iniziate la giornata con una colazione ricca e sostanziosa. Utilizzando diverse farciture, possono diventare poi una merenda o un dessert goloso e facilissimo da portare in tavola.

L’impasto originale era realizzato con una pastella a base di acqua, farina di frumento mista a farina di granturco, olio di oliva e zucchero. Negli anni la ricetta ha subito piccole modifiche e ogni famiglia custodisce gelosamente la propria versione. L’acqua è sempre più spesso rimpiazzata dal latte, l’olio di oliva dal burro, mentre al posto dello zucchero semolato troviamo a volte quello a velo.

Ecco qui la ricetta originale

 

Ingredienti:

500 g di acqua,
250 g di farina gialla,
250 g di farina bianca,
3 cucchiai di olio extravergine di oliva,
1 pizzico di sale,
bicarbonato,
zucchero per spolverizzare.

 

Preparazione

Mettete in una casseruola l’acqua, un pizzico di sale e di bicarbonato, l’olio, la farina gialla e versate a pioggia, mescolando con cura, la farina bianca, in modo da non formare grumi, fino a raggiungere una pastella densa, ma piuttosto fluida. Con un piccolo mestolo versate il composto su una teglia ben calda formando dei piccoli dischetti del diametro di circa 10 cm, che andranno rosolati sia da una parte che dall’altra. A cottura ultimata, deponete i dischetti su un piatto da portata condendoli con olio extravergine di oliva spolverizzandoli di zucchero.

Note: le cantarelle sono ottime anche spalmate di marmellata o miele.