Regalare l’uovo di Pasqua, una tradizione piena di… sorprese!

Uovo di cioccolato

 

La Pasqua si avvicina e come suggerisce la tradizione, l’uovo di cioccolato si conferma il protagonista più amato di queste festività. Che sia fondente o al latte, grande oppure piccolo, l’uovo di cioccolato è un dolce gradito da adulti e bambini, a cui non si riesce proprio a rinunciare.

Il rito delle uova di Pasqua

Il rito di scambiarsi in dono delle uova nel periodo di Pasqua risale – per cosi dire – “alla notte dei tempi”. Se ne trova già traccia tra le antiche civiltà, come gli Egizi, i Greci e i Cinesi. Nel Medioevo poi, si diffuse l’usanza di offrire uova decorate, come regalo alla servitù. In questa epoca prese anche piede una nuova tradizione: la creazione di uova artificiali fabbricate o o rivestite in materiali preziosi da scambiarsi come dono nelle famiglie nobili. Con il tempo, alla ricercatezza dei materiali si aggiunse la tradizione di inserire una sorpresa.

L’uovo Fabergé

A tal proposito ricordiamo, in tempi più recenti, l’uovo Fabergé commissionato dallo Zar Alessandro III di Russia all’orafo Peter Carl Fabergé. L’uovo, un dolce regalo per la moglie, fu rivestito di smalto bianco opaco e al suo interno venne inserito un tuorlo d’oro con una gallina d’oro cesellata che, aprendosi, rivelava una sorpresa: una riproduzione in miniatura d’oro e diamanti della corona imperiale.

Correva l’anno 1885 e da quel momento in poi la realizzazione di uova personalizzate divenne una vera e propria moda che si estese a tutti i ceti sociali. Oggi le ricche uova del passato hanno ceduto il passo a quelle più semplici di cioccolato, la cui realizzazione può avvenire anche in maniera casalinga, utilizzando cioccolato e appositi stampi.

Ecco qui una semplice ricetta per dilettarvi nella realizzazione di un uovo di cioccolato fatto con le vostre mani.

Ricetta dell’uovo fatto in casa

Per un uovo di 500 grammi occorrono 500 g di cioccolato a scelta, fondente oppure al latte e degli stampi per uovo di Pasqua, che potete acquistare nei negozi specializzati per cuochi e pasticceri oppure sul web

Si inizia con un’operazione che dovrete eseguire a regola d’arte il temperaggio del cioccolato di cui si è tanto parlato negli ultimi tempi. Senza scomodare nessun mastro pasticcere, potete utilizzare il metodo più semplice: temperare il cioccolato per inseminazione fondendone  fondere 2/3 a bagnomaria e aggiungendovi la parte restante. Ecco come procedere. 

Per prima cosa fate a tritate il cioccolato da temperare, in questo modo si scioglierà prima. Servitevi di due tegami che possano stare uno dentro l’altro. Riempite quello di dimensioni maggiori con 1/3 di acqua e ponetevi dentro il tegame più piccolo poi mettete in quest’ultimo circa 2/3 del cioccolato che volete temperare.

Mettete i due tegami sul fuoco e appena l’acqua inizia a bollire abbassare la fiamma, mescolate dolcemente e aspettate che il cioccolato fonda del tutto. Fate molta attenzione a non far entrare nel cioccolato nemmeno una goccia d’acqua, perché anche il minimo quantitativo di umidità può portare il cioccolato a legarsi.

Togliete dal fuoco i due tegami e unite al cioccolato fuso quello che avevate messo da parte. Continuate a mescolate fino a quando tutto il cioccolato si sarà sciolto. Una volta raffreddato il cioccolato è pronto per l’uso. Per capire se l’operazione è riuscita mettete una piccola quantità di cioccolato sulla punta di un coltello, se in pochi minuti si solidificherà e diventerà lucido e brillante, vorrà dire che avete fatto un buon lavoro.

A questo punto fate colare all’interno degli stampi il cioccolato fuso, in modo che tutte le pareti siano coperte pressoché uniformemente, lasciando i bordi liberi. Per fare questa operazione, si muove leggermente lo stampo in modo da ricoprire perfettamente tutta la superficie dell’uovo. Si rovescia poi lo stampo sopra il contenitore dove c’è l’altro cioccolato per eliminare il cioccolato in eccesso.
Chiudete lo stampo su sé stesso in modo che le due metà dell’uovo combacino perfettamente e riponete in frigorifero per circa 5 minuti. A questo punto, per attaccare le due mezze uova, prendete la ciotola nella quale avete sciolto e poi temperato il cioccolato e rimettetela a bagnomaria aggiungendo, se necessario, altro cioccolato in modo che riscaldandosi, si sciolga tutto quello che è rimasto sulle pareti.
Con un dito, spalmate il cioccolato fuso e caldo sui due bordi dell’uovo e fateli aderire.
Ripulite dall’eventuale eccesso di cioccolato e rimettete in frigo per un altro paio di minuti.

E mi raccomando, non dimenticatevi di inserire nell’uovo una sorpresa speciale!

I Menù di Pasqua e Pasquetta dei Ristoranti di Romagna

Romagna a Tavola ha selezionato per voi i Menù di Pasqua e Pasquetta che ristoranti, ristoranti-pizzeria, trattorie, osterie e agriturismo in Romagna propongono con servizio d’Asporto e in Delivery. Proposte di Carne, Pesce e Vegane a Ravenna, Bassa Romagna, Imola, Faenza, Forlì, Cesena, Cervia e Milano Marittima, Cesenatico e Bellaria-Igea Marina, Santarcangelo e Valmarecchia, Rimini, Riccione, Misano e Cattolica. Per conoscerli clicca qui >>


Rimani aggiornato sulle proposte! 📩  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Whatsapp