Tortelli di San Lazzaro (Turtèll d’San Lazar): dolce tipico faentino

Tortelli di San Lazzaro - Faenza

 

I “Turtèll d’San Lazar” (Tortelli di San Lazzaro) si preparano esclusivamente a Faenza  nel giorno in cui si festeggia “San Lazzaro”, ossia ogni anno la 5a domenica di Quaresima. Più precisamente questa festa si celebra a “Borgo Durbecco” e nella campagna circostante.

Parlando dei tortelli, in origine si trattava di un dolce povero, che si è andato via arricchendo con il passare del tempo e il maggiore benessere economico. In passato i tortelli erano infatti preparati con una sfoglia priva di uova, fatta con farina, acqua e sale ed il ripieno constava di sole  castagne secche lessate. Erano cotti al forno e poi bagnati nella sapa.
Oggi la sfoglia si ottiene impastando farina, uova, latte, burro e zucchero e per il ripieno si amalgamano le castagne lessate con cioccolato, marmellata, canditi e altro.
Il tortello ha una forma allungata con la chiusura a spiga di grano e secondo alcuni storici  tale forma potrebbe essere ispirata alla figura di Lazzaro avvolto nelle bende della sepoltura.

Ecco qui la ricetta dei Tortelli di San Lazzaro

Ingredienti

Per il ripieno:
300 g di castagne secche
50 g di cacao
100 g di cioccolato in polvere
50 g di cioccolato fondente
100 g di candito (cedro e arancio)
100 g di uva sultanina
50 g di pinoli
200 g di marmellata
sapa o altro liquore a piacere.

Per la sfoglia:
1 Kg di farina
300 g. di zucchero
200 g di burro o margarina
1 cucchiaio di strutto
1 uovo intero e 3 tuorli
lievito per 1 kg di farina
un pizzico di ammoniaca
latte quanto basta per ottenere un impasto morbido.

Preparazione

Lessate le castagne in poca acqua aggiungendo i seguenti ingredienti: la buccia di due arance, la buccia di un limone, un cucchiaio di caffè macinato, un pizzico di sale e 4 cucchiai di zucchero. Appena inizieranno a bollire lasciatele cuocere con il coperchio a fuoco moderato per alcune ore. Quando le castagne saranno diventate tenere e l’acqua sarà quasi completamente assorbita passatele al setaccio. Aggiungete tutti gli ingredienti per il ripieno dopo averli tagliati a pezzettini. Ammalgamate bene fino ad ottenere un ripieno ben sodo.

Preparate ora l’impasto per la sfoglia e lasciatela riposare per una mezz’oretta. Stendete l’impasto col matterello in modo da ottenere una sfoglia più spessa di una moneta e tagliatene dei dischi di media grandezza. Su ciascun disco mettete un poco di ripieno e chiudete dando la caratteristica forma.

Cuocete in forno ben caldo per circa 25 minuti. Serviteli dopo averli bagnati nella sapa (*) o in altro liquore a piacere.

(*) Sapa – mosto cotto bollito usato come condimento.


Rimani aggiornato su Ricette, Eventi e Manifestazioni! 📩  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER