Appunti di degustazione: Osteria del Mercato di Forlì

Osteria del Mercato - Forlì

 

Si affaccia su Piazza delle Erbe, ormai divenuta il fulcro delle serate d’intrattenimento a Forlì, e dal 2012 rappresenta il punto di riferimento della ristorazione romagnola più tipica ed autentica nel centro della città. Stiamo parlando dell’Osteria del Mercato, il locale in cui Vinicio Ciani e Silvia Patroni, titolari dell’attività, regalano, a tutti gli amanti della cucina genuina, emozioni di sapore in un ambiente confortevole, familiare e accogliente. La nostra “cronista del gusto” Giulia  ha visitato per voi l’Osteria ed ora è pronta a raccontarvi la fantastica esperienza vissuta in questo luogo, che profuma di storia e che ricalca, in ogni dettaglio e particolare, le hostarie romagnole di una volta.

Quello che si respira all’Osteria del Mercato di Forlì è un sentimento di autentica “romagnolità”. L’atmosfera è spensierata e conviviale, al punto che, sedendosi ad uno dei tavoli del locale, è impossibile non sentirsi a casa! Le tovaglie a quadri bianche e rosse, il fiasco con il vino, i quadri con scene rubate alla vita contadina e persino qualche frase irriverente riportata sulle pareti. Non manca davvero nulla per fare di questo locale un’Osteria romagnola d’altri tempi!

Ci accomodiamo al nostro tavolino e subito arriva Vinicio, l’oste con la “O” maiuscola, che, tra una battuta e l’altra, ci racconta i piatti proposti dall’osteria e i fuori menù della serata. Il vino è prevalentemente di provenienza locale, anche se non manca una selezione di etichette nazionali. A catturare completamente la nostra attenzione è il vino contenuto nel fiasco sul tavolo che non ha nulla a che fare con i classici vini serviti sfusi dalle osterie. Si tratta dell’Ordelaffo di Calonga, un sangiovese diretto e onesto, capace di riflettere tutta l’attenzione e l’amore necessari per vinificarlo valorizzandone al meglio tutte le qualità e le specificità organolettiche. Una scelta – quella fatta da Osteria del Mercato – che racconta, sin dal primo sorso, la cura meticolosa dei suoi gestori nella selezione dei vini e delle materie prime.

 

Fiasco di vino - Osteria del Mercato - Forlì

 

Il Menù non è esteso, ma esprime un carattere ed una personalità decise, anticipando una proposta culinaria che vi farà venire l’acquolina in bocca semplicemente leggendo i nomi dei piatti. Trippa alla parmigiana, crostini fegatini e musotto, cappelletti al ragù sono solo alcune delle appetitose specialità proposte dall’Osteria. Il nostro percorso alla scoperta della tradizione romagnola comincia con l’antipasto la nostra scelta ricade sui Crostini di fegatini e musotto e sulle Polpette fritte “come una volta” con il lesso.

 

Antipasti - Osteria del Mercato - Forlì

 

La coppa di testa è saporita, il crostino di fegatini è speziato e cremoso al punto giusto, davvero perfetto sul pane croccante. Le polpette, preparate secondo la ricetta più antica tramandata dai nostri nonni, sono servite su una leggera passata di pomodoro. In bocca è un’incredibile ed inaspettata esplosione di sapori la panatura è croccante, il cuore è tenero e si scioglie in bocca, il ripieno è ben bilanciato nei vari sapori. La polpetta risulta equilibrata e delicata nell’insieme ed è impossibile resistere alla tentazione di “pucciarla” nel suo sugo leggero e profumato di pomodoro.

A seguire ci vengono serviti Tortelli di Zucca e Patate al Ragù e Strozzapreti Salsiccia, Porcini e Pecorino. Di questo bis di primi sono i Tortelli la vera ed indiscussa rivelazione! Il ripieno insolito –  patate e zucca –  è davvero ben equilibrato, anche se a prevalere con gentilezza è il delicato sapore della zucca, la cui naturale dolcezza viene piacevolmente esaltata dalla cottura al forno. Il ripieno a base di squacquerone conferisce al piatto la giusta consistenza cremosa e un gusto rotondo e pieno, che avvolge il palato. La sfoglia è spessa al punto giusto. Senza dubbio uno dei tortelli migliori in zona.

Gli Strozzapreti sono gustosi. Il porcino fresco e profumato si abbina alla perfezione con la salsiccia, mentre il pecorino, generosamente grattugiato sulla pasta, regala a questo ricco primo piatto un gusto ancora più deciso e vivace.

 

Bis di primi - Osteria del Mercato - Forlì

 

Proseguiamo la cena con un secondo piatto di grande carattere la Guancia di vitello brasata. In una parola “Sublime”! La carne è così tenera che non serve neppure il coltello. Il piatto profuma di tradizione, di vino sfumato e di spezie. La carne è leggermente grassa cosa che la rende ancora più tenera e perfettamente amalgamata al sugo in cui è immersa. Scegliamo di abbinare il piatto con delle patate sabbiate cotte al forno provenienti da Cervia: la panatura, croccante e panosa al punto giusto, si propone di rievocare, nella mente di chi la assaggia, il ricordo e l’immagine della sabbia della nostra riviera romagnola.

 

Guancia di vitello brasata - Osteria del Mercato - Forlì

 

Terminato l’appetitoso secondo, dedichiamo qualche doveroso minuto alla contemplazione della lavagnetta dei dolci. La scelta è davvero ardua, ma conveniamo che la Zuppa Inglese e la Torta di Mele sono senza dubbio la scelta migliore. La torta di mele ci viene servita calda, ricoperta di crema inglese alla vaniglia. Nell’insieme è un dolce molto particolare, in cui il goloso e abbondante ripieno è preparato utilizzando tantissime mele, ricoperte solo da uno strato sottile di pastella. In bocca la torta è morbida e dalla consistenza robusta il profumo di frutta è davvero irresistibile! La suadente dolcezza vanigliata della crema si sposa armoniosamente con il sapore leggermente amarognolo e naturalmente aspro delle mele. Era davvero da tempo che non assaggiavo una torta di mele così buona. Un esempio incredibilmente ben riuscito di come una ricetta tanto conosciuta, da sempre legata alla tradizione pasticcera, possa essere così sapientemente valorizzata dalla scelta dei giusti ingredienti e dall’accostamento bilanciato di profumi, consistenze e sapori differenti.

 

Torta di mele - Osteria del Mercato - Forlì

 

Terminiamo il nostro pasto con Moretta, Veronelli, Cognac e Rum pastorizzati con scorza di arancia o limone la degna conclusione di una cena fantastica. Sono davvero tante le osterie tipiche che possiamo trovare in Romagna, ma sono altrettanto pochi i luoghi capaci di valorizzare, con una punta di creativa innovazione, le ricette più tipiche della cucina locale, tramandate di madre in figlia per generazioni e poi gelosamente custodite nel tempo.

Osteria del Mercato, a mio avviso, è esattamente uno di questi locali un’osteria avvolta in una nostalgica atmosfera che profuma di ricordi, memorie contadine e sapori genuini di una volta. Un luogo magico e senza tempo, in cui le ricette dei nostri nonni sembrano trovare, piatto dopo piatto, una nuova entusiasmante seconda vita!

 

11/12/2019
Giulia Valentini

 

Scheda Web

 


Rimani aggiornato su Ricette, Eventi e Manifestazioni! 📩  ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER